Prova Gratuita!
parallax background

“Chi ha detto cosa e quando “è al centro della maggior parte delle dispute

E’ andato tutto bene oggi? Parliamo di fraintendimenti e mezze verità riguardanti le e-mail. (parte 3)
20/07/2018
Crimini informatici una piaga per i conti delle aziende.
08/10/2018
 

La maggior parte dei lettori, concorderà che "chi ha detto cosa e quando" è al centro della maggior parte delle dispute. Nell'odierno mondo email-centric, molti fanno riferimento alla loro casella di “Posta inviata” o "Posta in arrivo" per dimostrare chi ha detto cosa e quando. Essi possono inoltrare queste e-mail alle persone con cui sono in discussione, o possono stamparle ed esibirle come prova.

Prima di affidarsi a questo “prova” è essenziale considerare in che modo sarà valutata l’autenticità dei suoi contenuti, la data e l’ora dell’invio e il fatto che l’invio sia avvenuto con successo.

Il London’s Legal Technology Journal ha pubblicato un sondaggio sui principali miti e pregiudizi relativi alle e-mail che, se non correttamente interpretati, potrebbero esporre la vostra organizzazione a problemi quando queste devono essere utilizzate come prova in dispute dove si deve identificare chi ha detto cosa e quando.

Il sondaggio ha identificato i miti più comuni relativi alla posta elettronica a cui la maggior parte dei dirigenti d’azienda, degli avvocati e di altri professionisti crede.

E-mail interne vs. Internet e-mail: ‘Mi sono inviato l’e-mail in copia e l’ho ricevuta’. La ricevuta di una e-mail inviata all’interno di un’organizzazione, non dimostra che il messaggio sia stato trasmesso/consegnato via internet.

Conferma di Lettura: Ho chiesto una conferma di lettura così so quando riceverà l’e-mail’. La conferma di lettura è un semplice file di testo che può essere facilmente modificato, non fornisce nessuna prova sul contenuto dell’e-mail e il destinatario può scegliere in modo semplice di non inviare la conferma di lettura.

Archiviazione delle e-mail: ‘Ho salvato tutto nel mio archivio così posso provare ciò che ho ricevuto’. I vostri archivi contengono un record dei contenuti che voi sostenete di aver spedito ma non di ciò che è stato ricevuto.

Invio di e-mail: "Quando faccio clic su invia, il destinatario riceve l'e-mail." Non tutte le e-mail aziendali vengono consegnate, Ferris Research afferma che il 3% degli invii di e-mail Internet non massivi e business-to-business non viene recapitata.

Usare RMail per provare l’invio delle e-mail, può essere la soluzione. RMail invia le informazioni sotto forma di messaggio e-mail registrato (REM), restituendo come prova di consegna una ricevuta registrata, verificabile e utilizzabile in tribunale come evidenza con elevato peso probatorio.

I servizi di RMail sono stati implementati da molte organizzazioni per autenticare le e-mail e per la conformità legale. Guarda questo breve video riguardo la “Ricevuta Registrata” di RMail Guarda questo breve video riguardo la “Ricevuta Registrata” di RMail.

 
Giacomo Ariboni
Giacomo Ariboni
RMail specialist and R&D Manager at Francopost Srl, Passionate of travel, photography and good food. My new goal is to make RMail / RSign solutions a standard for the security of our digital communications and transactions.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *